Ecobonus sulle schermature solari, proviamo a fare chiarezza

Sono in molti coloro che attendono le agevolazioni fiscali e gli incentivi per poter intervenire con lavori di ristrutturazione, sistemazione e miglioramento della propria casa. Uno di quelli su cui conviene fare chiarezza, anche perché sono cambiate le normative e le modalità di accesso, è l’ecobonus sulle schermature solari. Vediamo quindi le principali novità, come richiederlo e cosa c’è da sapere.

A quanto ammonta l’ecobonus

L’ecobonus 2018, a differenza del precedente che era del 65%, ha un’entità del 50% della spesa sostenuta. Tali spese non possono superare l’importo di 60000€ per ogni unità immobiliare e devono essere sostenute all’interno dell’anno 2018, quindi entro e non oltre il 31 dicembre. Per le spese sostenute nel triennio precedente, infatti, vale ancora la detrazione con l’aliquota del 65%. L’importo di 60000€, va precisato, rimane quello di riferimento massimo anche se contestualmente viene eseguito un altro intervento di manutenzione sull’involucro dell’edificio.

Le spese considerate ammissibili dall’ecobonus sulle schermature solari sono quelle relative all’acquisto e posa in opera del sistema di schermatura stesso, della rimozione di un sistema simile eventualmente preesistente, delle spese per l’espletamento delle pratiche burocratiche e per la realizzazione delle eventuali opere accessorie e provvisionali.

A chi è rivolto

Come anticipato il nuovo ecobonus sulle schermature solari e sulle chiusure oscuranti, come si legge nell’ultimo vademecum aggiornato agli inizi di aprile 2018, indica che è rivolto a tutti quei contribuenti che sostengono le spese per la riqualificazione energetica o hanno un diritto reale su una o più unità immobiliari sull’edificio in oggetto.

I requisiti tecnici

Sui cosiddetti requisiti tecnici che ogni intervento deve avere per essere riconosciuto l’ecobonus bisogna registrare subito una novità, piuttosto limitante, rispetto al passato. Per quel che ci interessa, ovvero in relazione alle schermature solari, sono escluse dall’agevolazione tutte quelle che hanno l’orientamento a nord, a differenza del passato dove veniva comprese anche quelle da nord-est e nord-ovest.

Il consumo e il risparmio energetico stimato

L’altra grande novità di quest’anno è quella relativa alla fase compilativa dei documenti per la quale, anche a seguito di una scarsa chiarezza, circolano online informazioni completamente o parzialmente false. Di certo c’è che per l’ecobonus 2018 bisogna inserire negli appositi documenti anche il dato relativo al risparmio energetico stimato, nel caso in cui si abbia un condizionatore (non si può più mettere come valore 0 come in passato).

Ad oggi non è stato specificato e previsto un metodo di calcolo e farlo è piuttosto complicato e può essere costoso. Noi per indicare il consumo energetico stimato ci muoviamo in questo modo: prendiamo i valori delle bollette energetiche del condizionatore e, considerando che con l’installazione di una tenda si riduce il consumo di questo elettrodomestico, sottraiamo dal consumo annuo le mensilità nelle quali il condizionatore verrebbe utilizzato. Prendiamo il dato relativo al consumo annuale, lo dividiamo per le dodici mensilità e a queste sottraiamo il consumo che stimiamo di ridurre proprio in virtù della presenza della nuova schermatura solare.

Documenti necessari

I documenti necessari per l’ecobonus sulle schermature solari si dividono in quelli che deve conservare il cliente e quelli da trasmettere all’ENEA. Il documento da trasmettere all’ENEA è la Scheda descrittiva dell’intervento, inviabile esclusivamente per via telematica.

Tra i documenti di competenza del cliente ci sono quelli relativi alla certificazione dell’opera, che dimostri la presenza dei requisiti richiesti, quindi la copia delle schede tecniche, delle fatture delle spese sostenute, del bonifico effettuato per tali spese (nel quale sia presente esplicitamente la causale del pagamento) e la ricevuta della documentazione firmata e inviata all’ENEA.

Nonostante la materia appaia complessa e per molti aspetti non sia stata semplificata è un’opportunità importante per poter donare alla propria casa una schermatura solare, beneficiarne dei relativi vantaggi energetici e godere della bellezza e dell’eleganza che un dispositivo di questo tipo riesce ad offrire. Per superare tutti gli ostacoli di tipo amministrativo, tecnico e burocratico vi invitiamo a contattarci per analizzare ogni singolo caso e individuare gli elementi necessari per ottenere questa importante agevolazione fiscale.

Postato da: |2018-07-19T16:06:14+00:0024 luglio, 2018|Categorie: Coperture|Tags: |Nessun commento

Lascia un commento