Policarbonato, plexiglass e vetro: quale scegliere?

State cercando di scoprire qual è il materiale migliore per i vostri ambienti esterni? Policarbonato, plexiglass e vetro sono certamente quelli che vengono presi più in considerazione, sia da un punto di vista dell’utilità che del design. Ma quali sono le caratteristiche da considerare durante la scelta? Cosa dovreste sapere a riguardo?

Come ben sappiamo, abbiamo di fronte tre materiali differenti, utilizzati nelle modalità più disparate e per molteplici utilizzi. A primo impatto, potrebbero sembrare tutti a dir poco perfetti per la realizzazione di coperture esterne, ma non è così. Esistono delle sostanziali differenze che intercorrono tra loro, difformità che vanno dal semplice aspetto esteriore fino al diverso grado di malleabilità. Vediamo nel dettaglio quali sono.

A ogni materiale, le sue qualità: parliamo del policarbonato

Se ogni materiale ha le sue qualità, di certo ha anche un miglior utilizzo, così come un uso sconsigliato. Pertanto, analizzando il policarbonato, il plexiglass e il vetro, possiamo capire quando e come usare questi particolari materiali. A questo proposito, in primo luogo, dovreste sapere che sono in molti a scegliere il policarbonato (PC) per le coperture esterne.

Commercializzato per la prima volta nei lontani anni cinquanta, esso trovò subito il suo maggiore utilizzo nel campo edile. Questa preferenza e diffusione è tuttora dovuta principalmente alla sua spiccata resistenza agli urti, nonché alla sua piacevole trasparenza e all’estrema adattabilità a condizioni termiche differenti.

Tutte queste caratteristiche lo rendono adatto alla produzione di vetrate e tettoie, perfette per creare un piccolo angolo di privacy e relax in ogni giardino e patio. Il policarbonato è anche molto leggero, ma non per questo meno resistente.

Il plexiglass e il vetro

Tutti conosciamo il plexiglass (PMMA), ma non abbiamo ben chiare le sue principali caratteristiche. Sviluppato in laboratorio sin dagli anni venti, è una materia plastica facente parte delle resine acriliche. Anch’esso utilizzato in diversi processi produttivi, si rivela come un elemento capace di offrire un elevato grado di trasparenza, essenziale per chi vuol rendere il proprio ambiente allegro e luminoso.

Differenti ambiti vedono l’impiego di questa materia prima, dall’illuminazione all’edilizia, dall’arredo degli interni agli infissi, dal settore pubblicitario a quello degli accessori. Molteplici sono le misurazioni e colorazioni che può assumere, a conferma della propria duttilità. Quelle appena elencate sono caratteristiche che, tuttavia, si ritrovano combinate con alcuni fastidiosi inconvenienti, tra cui troviamo l’alta suscettibilità ai graffi e la polvere che facilmente accumula sulla sua superficie. Il plexiglass andrebbe pulito frequentemente e con molta attenzione.

Anche il vetro è molto utilizzato per tantissimi usi, come per la realizzazione di vetrate e per le coperture esterne. È un buon isolante e, visto il basso grado di conducibilità termica ed elettrica, trova un ampio impiego nella produzione degli infissi. È molto elastico dal punto di vista meccanico e la sua resistenza agli agenti chimici ne facilita la detersione e la manutenzione.

Tutte buone caratteristiche, non credete? Tuttavia, nonostante le varie lavorazioni dedite ad aumentarne la resistenza, si presenta comunque come un materiale estremamente fragile, anche nel caso in cui venga sottoposto a lievi sollecitazioni.

Le conclusioni

Pertanto, qual è il migliore materiale utile per creare le strutture dei vostri ambienti esterni? Il vetro rimane comunque il punto di riferimento per la creazione delle vetrate, ma per quanto riguarda la creazione di coperture, il policarbonato sta diventando sempre più un degno sostituto.

Non ingiallisce, è molto più resistente del vetro e ancor più malleabile del plexiglass. Offre la giusta trasparenza e non trasmette troppa luce e/o calore. Insomma, ogni materiale ha il suo utilizzo, ma per far sì che le nostre realizzazioni durino nel tempo, ci sono sicuramente tanti fattori da non sottovalutare!

Postato da:| 2017-08-29T16:17:54+00:00 30 agosto, 2017|Categorie: Coperture|Tags: , , , |Nessun commento

Lascia un commento

dodici − uno =