rivestimenti verticali per le pareti

Rivestimenti verticali: guida utile per il tuo outdoor

Blog

L’attenzione verso gli spazi esterni di una casa così come di un locale commerciale sono generalmente orientati a trovare le migliori coperture, i pavimenti più adatti e gli arredi più funzionali per quel tipo di ambiente. Tutti elementi fondamentali, ma ce n’è uno che solitamente viene trascurato ed è quello legato ai rivestimenti verticali da applicare alle pareti.

Perché scegliere dei rivestimenti verticali per le pareti esterne

I rivestimenti verticali sono delle soluzioni tecnologiche da applicare alle pareti esterne dell’edificio con lo scopo di migliorarne:

  • protezione dall’umidità;
  • protezione dagli agenti atmosferici;
  • isolamento termoacustico;
  • valorizzazione dell’estetica della facciata.

Parliamo quindi di soluzioni molto importanti e utili sia dal punto di vista tecnico che estetico, senza dimenticare come queste incidano tanto sul valore dell’immobile e dell’outdoor che sulla gestione energetica dell’edificio, con conseguente risparmio economico. Si tratta di un insieme di realtà e soluzioni che contempla materiali, colori, finiture e geometrie diverse tutte orientate allo scopo di valorizzare questo elemento di uno spazio esterno.

La scelta tra una tipologia di rivestimento rispetto a un’altra varia da tantissimi fattori. Oltre all’aspetto di preferenza personale è necessario valutare quanto quel tipo di soluzione si integri con l’identità dell’edificio e con la sua collocazione geografica e urbana, così come la sua capacità di rispondere alle esigenze (tecniche ed estetiche) per le quali è stato installato.

Rivestimenti verticali incollati e ventilati

Tradizionalmente le pareti esterne degli edifici vengono rivestite con l’applicazione dell’intonaco. Si tratta di una scelta rapida, semplice ed economica che, in base al tipo di composizione dell’intonaco, può offrire garanzie sia in termini di capacità di resistere alle infiltrazioni d’acqua che al fuoco e a contribuire a migliorare la coibentazione dell’edificio. L’evoluzione tecnica e tecnologica ha però introdotto anche nuove soluzioni, capaci esaltare il design degli edifici. Sono quelle che rientrano nella distinzione tra rivestimenti verticali incollati e rivestimenti verticali ventilati.

Nel primo caso il materiale scelto viene applicato direttamente sull’intonaco assicurando un’elevata aderenza e una resa estetica omogenea. Nei rivestimenti verticali ventilati, invece, l’applicazione del materiale scelto non avviene direttamente sull’intonaco, ma a una certa distanza da esso, creando una sorta di intercapedine che è il segreto per migliorare la protezione dall’umidità e dagli agenti atmosferici e ad assicurare un elevato isolamento termoacustico.

Come anticipato sono tantissime le soluzioni, soprattutto per quel che riguarda i materiali, che è possibile valutare per i rivestimenti verticali del proprio outdoor. Tra questi troviamo innanzitutto il legno, uno dei più apprezzati in architettura sia per il suo contributo alla bioedilizia che per la sua capacità di offrire enormi prestazioni tecniche a impareggiabili vantaggi estetici.

Parallelamente il gres porcellanato così come gli altri materiali ceramici, sono ideali per la loro capacità di sopportare le sollecitazioni meccaniche e la capacità di resistere allo smog e agli sbalzi termici. Senza dimenticare la capacità di prestarsi ottimamente per la costruzione di disegni e geometrie di qualsiasi tipo.

Tra gli altri rivestimenti verticali meritano una particolare attenzione quelli metallici, soprattutto alluminio e acciaio che assicurano leggerezza e un design contemporaneo. La maggiore innovazione tecnologica è però legata ai rivestimenti verticali in materiali plastici che consentono, oltre a una grande flessibilità progettuale, di perseguire una personalizzazione completa che riguardi sia le dimensioni che le prestazioni, così come i colori e le caratteristiche tecniche.

In ultimo, anche se non sono propriamente dei materiali edili, l’attenzione va rivolta anche al trend per il quale si realizzano delle pareti verdi prevedendo lo sviluppo di una vegetazione sulla superficie verticale della facciata. I vantaggi di queste soluzioni sono legati soprattutto all’aspetto estetico (delizioso nella progettazione di un outdoor domestico o residenziale) e naturalità di questa scelta.

Blog

Potrebbe interessarti…

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Niente spam o pubblicità , solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link