Progettare spazio esterno

Idee per progettare e ottimizzare uno spazio esterno

Blog

La possibilità di disporre di uno spazio esterno è un valore da sfruttare pienamente. Come? Tramite una sistemazione adeguata e capace di esaltare le caratteristiche di quell’ambiente e renderlo vivibile in funzione delle proprie esigenze. Sì, perché il bello dell’outdoor è anche questo: avere tante potenzialità spesso inespresse. Cerchiamo quindi di capire come farle emerge mediante una progettazione e ottimizzazione adeguata.

5 consigli utili per la gestione dello spazio esterno

#1 Lo spazio verticale

Uno dei grandi problemi che si trova ad affrontare chi deve progettare un ambiente esterno è legato alla sempre poca disponibilità di spazio. I metri quadri, insomma, sono sempre meno di quanto si vorrebbe. Per ovviare a questo problema è utile pensare non solo allo spazio orizzontale (quello calpestabile), ma anche quello verticale. Una parete attrezzata ma anche mensole, ripiani e scaffali (disponibili in diversi materiali, forme e colori) che liberano la superficie calpestabile consentendo di avere tutto a portata di mano senza ingombrare o appesantire la vista.

#2 I piani d’appoggio

Qualunque sia l’outdoor (balcone, terrazza, giardino, eccetera) di cui si dispone e i modi in cui si intenda viverlo è necessario avere a disposizione dei piani di appoggio. Per sistemarvi delle bevande e altre stoviglie o anche “solo” per avere una superficie dove sistemare il telefono, un libro e gli occhiali è uno di quegli elementi irrinunciabili. Per una gestione virtuosa dello spazio può essere utile sfruttare non solo i tavoli, ma anche cassapanche e cassettiere da sistemare agli angoli dell’outdoor e magari prevedervi sopra lampade, candele, vasi e fioriere per arredare con stile lo spazio esterno.

#3 Mobili salvaspazio, trasformabili e contenitore

La bellezza di progettare e ottimizzare lo spazio dell’outdoor passa anche dalla grande disponibilità e varietà di soluzioni d’arredo e di design. Oggi sono infatti disponibili mobili pieghevoli (come i tavoli e le sedie) o quelli trasformabili (come i tavoli allungabili e le console estensibili) che permettono di rispondere all’occorrenza alle varie necessità senza dover aggiungere o avere tutto in mezzo per essere sempre pronti a ogni evenienza. Similmente si rivelano estremamente utili i mobili contenitore (cassapanche, pouf, cassettiere, eccetera) che occupano poco spazio e hanno il grande vantaggio di nascondere alla vista e tenere riparati gli accessori e gli strumenti quando non vengono utilizzati.

#4 Coperture removibili

La gestione dello spazio esterno e le possibilità di utilizzo passano anche e soprattutto dal tipo di copertura presente. Le maggiori possibilità sono offerte dalle tende da sole, dalle vele ombreggianti o dalle pergole a lamelle orientabili. Ciascuna di queste soluzioni, nelle loro specifiche caratteristiche, consente infatti di vivere l’outdoor sia nelle giornate di pioggia che in quelle di sole, offrendo una maggiore versatilità e vivibilità di questi ambienti.

#5 Pensa, progetta, realizza

Un consiglio da tenere sempre a mente quando si parla di gestione e ottimizzazione degli spazi è concentrarsi sull’essenzialità. Non è il troppo a regalare il benessere che si cerca in uno spazio esterno, ma il giusto. Ecco quindi che è ideale (ed estremamente affascinante) immaginare cosa si vuole ottenere dal proprio spazio esterno e, quindi, iniziare a pensare a come sfruttare quell’ambiente e come renderlo funzionale al proprio relax. Quindi, solo dopo aver studiato le varie soluzioni e possibilità, costruire quel tempio della meraviglia che può essere il balcone, il giardino o la terrazza della propria casa. Il luogo più bello, intimo e piacevole nel quale ritrovarsi.

Blog

Potrebbe interessarti…

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Niente spam o pubblicità , solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link