La storia dei tessuti per tende da sole

È sempre affascinante conoscere la storia degli oggetti, degli strumenti e delle materie prime che abbiamo a disposizione o che utilizziamo ogni giorno e, per questo, oggi abbiamo deciso di parlarvi dell’affascinante storia dei tessuti per tende da sole.

Dovreste sapere che, fino al 1961, era il cotone la fibra naturale protagonista della realizzazione di questi prodotti. Tuttavia, con il tempo, gli ideatori delle tende da sole si accorsero che non era propriamente adatto allo scopo. Infatti, assorbe l’acqua, vanta un elevato peso specifico e una bassa solidità alla luce, e propone una scarsa protezione dalle intemperie.

Così, la storia dei tessuti per tende da sole continua e, dal 1961 fino al 2012, si utilizzò l’acrilico. Questa fibra sintetica è decisamente più adatta alla creazione di efficienti tende da sole, ma purtroppo offre la possibilità di contare su una gamma colori a dir poco limitata e presenta altre specifiche tecniche che non ci soddisfano come vorremmo. Pertanto, arriviamo al presente, all’innovazione e ad un tessuto che in realtà nasce nel 2000 e che, con il passare del tempo, è stato migliorato fortemente: il sunsilk.

Il presente e il futuro: Sunsilk e Sunvas

Sunsilk si presenta come un tessuto molto particolare proposto da Schmitz‐Werke, realizzato in poliestere high‐tech, che offre valori tecnici da non sottovalutare, l’effetto autopulente SNC e l’opportunità di poter contare su un incollaggio ottimale e su un’interessante vastità di colori e sfumature piene di vitalità. Dal 2012, è però arrivato un interessante successore: il tessuto sunvas. Quest’ultimo è dotato delle stesse proprietà tecniche del sunsilk e si rivela un’alternativa vincente, che garantisce la possibilità di scegliere tra due tessuti per tende da sole davvero unici.

Sunsilk si presenta come un materiale tecnico caratterizzato da una brillante luminosità, mentre sunvas è un materiale tessile dotato invece di una delicata luminosità: delle piccole varianti che possono fare la differenza. Entrambi i tessuti, proposti in esclusiva dall’azienda Schmitz‐Werke, si rivelano resistenti, muniti di uno spessore adatto alla realizzazione delle migliori tende da sole e raggiungono i massimi valori per quanto riguarda la solidità alla luce e alle intemperie

Le altre caratteristiche di questi innovativi tessuti per tende da sole

Per conoscere al meglio la storia dei tessuti per tende da sole è fondamentale notare come nei vari passaggi, da un materiale ad un altro, siamo arrivati a teli innovativi, come appunto il sunvas e il sunsilk, moderne e funzionali fibre di poliestere, attentamente modificate per rispondere a tutte le esigenze correlate all’utilizzo per gli ambienti outdoor.

Dovreste sapere inoltre che, a differenza della produzione dell’acrilico, per realizzare i tessuti per tende da sole sunsilk e sunvas non vengono utilizzati additivi nocivi per l’ambiente: questo rende eco-friendly sia i processi produttivi che il prodotto finito e il suo utilizzo quotidiano. Inoltre, anche se l’acrilico è stato usato per molti anni, è stato dimostrato che queste due innovative fibre di poliestere sono molto più efficienti e presentano specifiche tecniche altamente superiori. Si tratta di materiali tessili di facile manutenzione e dalla struttura indeformabile, che permettono di realizzare teli morbidi e dal design unico.

Ad ogni modo, oltre ad essi, la tecnologia ci regala un altro successore: vuscreen di Swela, un prodotto innovativo che propone un’eccellente protezione dal calore e dai riflessi, resistenza e trasparenza, e una superficie capace di riflettere gli infrarossi grazie ad una particolare pigmentazione con particelle di alluminio incapsulate.  Tra gli ultimi prodotti protagonisti della storia dei tessuti per tende da sole, troviamo anche perfotex, molto simile a vunscreen. Insomma, di strada ne abbiamo fatta e, ad oggi, possiamo contare su teli perfetti ed efficienti sotto ogni punto di vista.

Postato da: |2017-12-14T11:48:37+00:0015 dicembre, 2017|Categorie: Tende da sole|Tags: , |Nessun commento

Lascia un commento