Nonostante il termine Pergotenda® (spesso anche con la lettera minuscola) sia utilizzato in maniera troppo generica per indicare qualsiasi tipo di struttura da esterno coperta con un telo, è bene specificare che stiamo parlando di un prodotto brevettato e che ha delle specifiche caratteristiche tecniche da tenere in considerazione, anche “solo” da un punto di vista burocratico.

Scegliere la propria Pergotenda

Vogliamo quindi fare una panoramica su questo settore, analizzando le principali caratteristiche e peculiarità di questo sistema di copertura, convinti che si tratti di una delle migliori soluzioni per l’arredamento del proprio outdoor. Ma soprattutto per esaltare quella dimensione più intima, dolce e profonda della propria vita: ovvero quella della compagnia.

Amarsi all’ombra di una Pergotenda®

Le pergotende sono strutture tra loro molto diverse, sia nel design che nella tecnica, ma sono tutte orientate a realizzare un ambiente accogliente nel quale ritrovarsi. Varcare la soglia del proprio giardino e ritrovarsi in un luogo altro dalla casa e dalla città, ma perfettamente immerso all’interno di essa. Le pergotende sono una realtà intrigante nelle loro numerose potenzialità, che si esaltano non tanto nelle caratteristiche tecniche e strutturali, ma soprattutto perché creano un ambiente dolce e meraviglioso nel quale accogliere le vite e i sentimenti di chi abita l’outdoor.

L’amore del proprio partner – Mentre tutto fuori scorre e ritrovarsi insieme nell’abbraccio del proprio outdoor. In un ambiente intimo e privato, dove la dolcezza e la tenerezza del tempo da dedicarsi è avvolta e protetta da una struttura solida e che protegge dagli sguardi indiscreti. Al tramonto di una giornata di lavoro o in un pomeriggio di un giorno di festa, l’outdoor si trasforma in un tempio dell’amore nel quale ognuno dei due partner si riscopre vestale del fuoco dolce della passione.

L’amore della propria famiglia – L’amore non è solamente quello di due corpi che si incontrano e di due sguardi che si accarezzano, ma anche quello chiassoso di una famiglia che si ritrova a giocare con i propri bambini. O quello più sereno di chi si ritrova attorno a un tavolo, disteso su di un divanetto, programmando una vacanza o vivendo in compagnia ciò che ha di più prezioso: il proprio tempo.

L’amore dei propri amici – Gli amici, questo straordinario dono della vita all’esistenza di ciascuno. Da invitare e ospitare nel proprio outdoor per sorseggiare un aperitivo, guardare un evento in TV, parlare di niente per ritrovarsi a parlare di tutto e riscoprire il bello di non essere soli.

L’amore di sé stessi – Ma c’è anche l’amore di sé, specialmente in quelle giornate malinconiche dove è doveroso lasciarsi andare e non assumere il ruolo di essere sempre sicuri di sé e avere tutto sotto controllo. L’outdoor è anche questo, un rifugio dal mondo esterno, ma anche l’isola felice sulla quale naufragare per rilassarsi leggendo un libro, guardare il panorama circostante, ascoltare della buona musica e ritrovare il senso delle cose più profonde e decisive.

Questa è la reale anima delle pergotende, il loro identikit più puro. Su queste dimensioni si sviluppa la costruzione della struttura (che ricordiamo è un progetto su misura) e non viceversa. Le pergotende non sono prodotti da utilizzare, ma spazi da creare e la struttura è al servizio delle emozioni che si vogliono cristallizzare nell’outdoor della propria casa.

La scelta del modello perfetto

Ma quali sono gli aspetti principali da considerare quando si progetta una Pergotenda Corradi? Dobbiamo quindi parlare di materiali. La scelta di quale materiale utilizzare non è da sottovalutare, in quanto assolve sia alle ovvie funzioni strutturali, ma anche a quelle estetiche. L’utilizzo del legno o dell’alluminio, ad esempio, comporta differenze importanti anche per quel che riguarda la manutenzione, lo spazio da coprire e la presenza o meno di determinati elementi, come possono essere le traverse e i pali.

In base al materiale bisogna poi considerare il trattamento da applicare (per rendere la pergotenda resistente sia all’acqua che all’esposizione ai raggi ultravioletti) e il colore da utilizzare. Anche in questo caso abbiamo una tensione tra funzionalità ed estetica, che non va risolta preferendo l’uno o l’altro aspetto, ma avendo e mantenendo sempre uno sguardo d’insieme.

La scelta dei materiali è anche legata al tipo di ambiente che si vuole creare; se più intimo (e una Pergotenda in legno è una delle scelte migliori in tal senso) o se più moderno (e l’alluminio offre soluzioni molto vantaggiose).

Addossata o autoportante?

Un’altra valutazione da fare nello scegliere il tipo di Pergotenda più adatto alle proprie esigenze è quello di valutare se preferire una struttura addossata o una Pergotenda autoportante. Questa distinzione ci permette di introdurre un altro tipo di elemento da prendere in considerazione: ovvero quello dello spazio a disposizione. La Pergotenda va realizzata nel proprio giardino, terrazzo, veranda, eccetera. Questo comporta innanzitutto una valutazione dimensionale e progettuale. Se la Pergotenda va installata a ridosso dell’edificio, allora si opta per la formula addossata. Altrimenti se abbiamo una struttura indipendente ci si orienta per una soluzione autoportante.

In base a questi dati, al contesto edilizio circostante, all’esposizione al sole e allo spazio che si ha a disposizione, si può scegliere quale struttura di Pergotenda utilizzare e realizzarla su misura al proprio outdoor.