Tra le diverse soluzioni per coprire uno spazio esterno, quella del pergolato risulta essere come una delle più avvincenti e intriganti. Si tratta di strutture estremamente versatili, che rispondono sia a necessità estetiche che funzionali e rappresentano una grande risorsa per chi vuole trasformare il proprio outdoor in qualcosa di unico. Così come per tutte le altre soluzioni, anche la copertura del pergolato è uno di quegli elementi di fondamentale importanza che determinano il successo o il fallimento di questo tipo di costruzione. Vediamo quindi di scoprire quale tipo di copertura utilizzare per il proprio pergolato, con un focus particolare sulla scelta di una soluzione ombreggiante o impermeabile.

La normativa

Prima di entrare nel merito di quale tipo di coperture utilizzare per pergolati, è doveroso sottolineare nuovamente l’aspetto legale di questa costruzione. La normativa che regola la gestione della copertura del pergolato distingue tra le costruzioni stabili e ancorate al suolo e quelle “leggere”. Le prime necessitano del permesso di costruire, mentre quelle leggere no. i pergolati sono considerati strutture leggere quanto non prevedono parti in muratura o l’impiego di strutture stabilmente fissate al suolo.

Dopo questa doverosa premessa possiamo concentrarci sull’aspetto che ci interessa maggiormente: quale copertura scegliere per il proprio pergolato.

Pergole o pompeiane?

Se avete avuto modo di cercare informazioni sulla copertura del pergolato, molto probabilmente vi siete già imbattuti nella distinzione delle coperture delle pergole e delle pompeiane. In maniera molto sintetica possiamo definire la pergola come una struttura con una copertura chiusa, mentre la pompeiana come una pergola con una struttura aperta o removibile. I materiali utilizzati per la struttura (legno, PVC, eccetera)  e l’inclinazione del telo, dipendono dal contesto edilizio nel quale ci si trova e dalle finalità che si perseguono con la realizzazione di questo topo di sistemi di coperture per esterni.

I vantaggi di una copertura impermeabile

Tra i tessuti per le coperture per esterni, quelli impermeabili, come indica il nome stesso, hanno il grande vantaggio di proteggere lo spazio sottostante dagli agenti atmosferici. Non solo la pioggia, com’è facile intuire, ma anche le foglie e tutta la sporcizia che una giornata di vento può trasportare. La copertura impermeabile del pergolato è più soggetta a usura e strappi, ma assicura un livello di utilizzo maggiore. Con questo tipo di soluzione, infatti, il pergolato può essere sfruttato non solamente d’estate, ma anche in giornate ventose e piovose, vivendo all’aria aperta anche quando il meteo indicherebbe di fare il contrario. Per questo tipo di coperture è essenziale individuare il giusto equilibrio tra inclinazione e tensione del telo. Questa scelta, infatti, influisce sul corretto deflusso dell’acqua in caso di pioggia, evitando che l’acqua ristagni al centro del tessuto, formando una sacca pesante e pericolosa anche per l’integrità stessa del telo.

I vantaggi di una copertura ombreggiante

A differenza delle coperture impermeabili, quelle ombreggianti sono traspiranti e lasciano quindi passare il vento. Questa caratteristica rende le coperture ombreggianti molto più resistenti alle tensioni del vento, in quanto il tessuto non costituisce un ostacolo allo scorrere del vento. Oltre a quanto appena detto questo tipo di copertura permette di creare uno spazio fresco (l’aria calda non viene trattenuta come nel caso delle coperture impermeabili) e areato, ideale per le calde giornate primaverili ed estive. Il vantaggio di non trattenere l’acqua piovana e di evitare i rischi dovuti all’accumulo della pioggia si trasforma anche nell’impossibilità di vivere questo spazio in condizioni climatiche sfavorevoli.

Quale soluzione scegliere?

Come spesso accade, anche nel caso della copertura del pergolato, la scelta non è univoca. Questa è una conseguenza della grande versatilità e opportunità data da questo tipo di soluzioni. Sia che si stia progettando la realizzazione di un pergolato fai da te che quella di acquistarne uno su misura, la copertura rimane l’elemento fondamentale sul quale concentrare la propria attenzione. La copertura del pergolato può essere realizzata utilizzando diversi materiali (policarbonato, PVC, legno, plexiglass, teli, eccetera), ma anche con soluzioni innovative (come gli elementi vegetali) capaci di rendere il vostro outdoor uno spazio alla moda e di grande accoglienza e vivibilità. La soluzione migliore da scegliere è quella che meglio risponde alla vostra idea di benessere. Le opportunità ci sono, bisogna solamente valutare e decidere quale offre i maggiori vantaggi.