Giardino eco-friendly

Giardino eco-friendly, come realizzarne uno

Giardino

Abbiamo più volte affrontato, in maniera diretta o trasversale, il discorso della sostenibilità. Ancor più che in passato oggi adottare misure e comportamenti sostenibili è una scelta per molti aspetti inevitabile considerando le ripercussioni positive di questa decisione. Ecco quindi che vogliamo concentrarci sulla possibilità di realizzare un giardino eco-friendly. Il giardino è troppo spesso sottovalutato in quanto, essendo uno spazio verde, si pensa che sia automaticamente eco-friendly. In realtà questo tipo di atteggiamento deve prendere in considerazione tutta una serie di elementi che riducano l’impatto sull’ambiente e siano quindi, davvero, ecologici. Scopriamo quali sono.

5 fattori chiave per il tuo prossimo giardino eco-friendly

#1 Coperture intelligenti

Uno dei principali elementi da cui partire, anche in una sorta di importanza gerarchica, è quello della copertura. Le moderne tende da sole (o soluzioni similari) consentono quella flessibilità e versatilità per cui sfruttare l’outdoor sia d’estate (ottenendo un’ombra gradevole) che d’inverno (ricevendo una protezione dalle condizioni metereologiche avverse). Inoltre, aspetto non secondario, le tende da sole e le schermature solari in genere oltre a essere realizzate con materiali ecologici, contribuiscono alla riduzione dei consumi energetici. Sì, un giardino eco-friendly è un ambiente dove tutto, ma proprio tutto, è orientato alla sostenibilità da intendersi nella sua massima espressione possibile.

#2 I pavimenti

Un giardino eco-friendly, soprattutto uno di dimensioni non troppo contenute, può prevedere non solo il prato e l’area verde vera e propria, ma anche passaggi pedonali e superfici rigide (quello che in gergo tecnico vien chiamato l’hardscape). Perché queste superfici siano ecologiche è necessario scegliere non solo materiali ecologico ma anche provenienti da aziende che adottino un processo di produzione sostenibile. Alcuni esempi possono essere le pavimentazioni in legno o in WPC, le piastrelle realizzate con materiale riciclato o, ancora, quelle in gres effetto pietra.

#3 L’illuminazione

Concentrarsi sull’illuminazione di un giardino eco-friendly significa porre l’attenzione su due aspetti: la luce naturale e quella artificiale. Non si tratta di esaltare l’una e demonizzare l’altra ma di avere un approccio adeguato che tenga conto delle rispettive peculiarità. Da una parte, per la luce naturale, prevedere una progettazione dello spazio che ne favorisca il passaggio. Il contatto con la luce naturale è un bene innanzitutto per la salute e per l’umore e solo dopo anche un elemento di risparmio sui consumi. Perché accendere lampadine, faretti e impianti artificiali quando possiamo sfruttare la dolce e delicata energia del sole? Per quel che riguarda l’illuminazione artificiale, invece, preferire soluzioni a LED che assicurano consumi ridotti e un posizionamento di lampade, lampadari e fonti di luce in luoghi strategici in modo che con meno si possa ottenere tanto. Si può anche prevedere il ricorso a soluzioni alimentate con fonti di energia rinnovabile che uniscano nella tecnologia e nel design la loro ecosostenibilità.

#4 Arredamento

Passiamo ora ai mobili con cui arredare l’outdoor. L’eco-sostenibilità in questo campo passa dalla scelta di soluzioni realizzate con materiali rispettosi dell’ambiente (come il legno, il rattan, l’acciaio, il ferro e la resina) che assicurino longevità, eleganza e prestazioni sempre impeccabili. La dimensione eco-friendly di un giardino si concretizza inoltre anche nella vivibilità degli ambienti esterni. Il consiglio è quello di scegliere arredi funzionali e salvaspazio (sedie pieghevoli, tavoli allungabili, panche contenitore, eccetera) che sappiano rispondere alle diverse esigenze senza occupare inutilmente lo spazio soffocandone la sua ampiezza, leggerezza e abitabilità.

#5 Complementi d’arredo

Quanto detto per i mobili vale anche per i complementi d’arredo. Anche gli accessori, dai tessuti dei cuscini a quelle di poltrone e divani passando per le tappezzerie, non possono che esprimere in tutto e per tutto l’identità ecologica che vogliamo realizzare nel nostro giardino.

Oltre alla scelta di questa o quella soluzione e all’inserimento di questo o quell’elemento è importante che si abbia una consapevolezza ecosostenibile. Uno sguardo d’insieme, una sorta di vocazione, che porti prima a pensare in maniera eco-friendly e, quindi, solo dopo, agire in maniera ecologica e rispettosa dell’ambiente. Un modo unico e insostituibile per vivere nel giardino la pienezza della vita all’aria aperta e l’essere a stretto contatto con la natura. Una natura viva non una sua finzione.

Giardino

Potrebbe interessarti…

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Niente spam o pubblicità , solo i migliori articoli del nostro blog pensati per te. Che aspetti? Iscriviti ora!
close-link